Storia - Pro loco AciCastello - Acitrezza - riviera dei ciclopi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Storia

La Riviera > Aci Trezza
 
 
 
 
 

Aci Trezza (Trizza in siciliano) è una frazione del comune di Aci Castello, in provincia di Catania. Centro peschereccio di antica e notevole tradizione, è famoso per il suo paesaggio. Si affaccia sul Mar Ionio e dista circa 9 chilometri da Catania.

Il paese venne fondato ufficialmente alla fine del XVII secolo da Stefano Riggio dell'Etna. La scelta del viceré non era casuale, essendo Stefano Riggio proprietario dal 1651 della città di Aci Sant'Antonio e San Filippo (comprendente gli odierni comuni di Aci Sant'Antonio, Aci Catena e Valverde). Aci Trezza nasce quindi come scalo marittimo del feudo dei Riggio, dal quale sarà separata (con Ficarazzi) solo il 15 settembre 1828 per essere accorpata ad Aci Castello. Agli inizi del XVIII secolo conta circa 150 abitanti.

Aci Trezza sarà gestita da Stefano Riggio fino al 1678, quindi dal figlio Luigi Riggio Giuffrè fino al 1680, da Stefano Riggio Saladino fino al 1704, quindi a Luigi Riggio Branciforte fino al 1757 che però preferì risiedere in Spagna e lasciare l'amministrazione del feudo allo zio Gioacchino Riggio. Infine Stefano Reggio Gravina fino al 1790 e Giuseppe Riggio Grugno fino al 1792, quando il feudo divenne libero. Giuseppe Riggio Grugno morirà poi a Palermo decapitato dalla folla in rivolta nel 1820, estinguendo la famiglia dei principi di Aci. In ogni caso il feudalesimo era stato abrogato in Sicilia nel 1812.
(fonte: wikipedia)

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu