Isole Ciclopi - Pro loco AciCastello - Acitrezza - riviera dei ciclopi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Isole Ciclopi

La Riviera > Aci Trezza

Secondo la leggenda l’arcipelago che si trova di fronte l’abitato di Acitrezza è il frutto della collera del ciclope Polifemo che scagliò degli enormi massi contro Ulisse e le sue navi, dopo che era stato accecato dall’eroe greco. In realtà le isole Ciclopi, di cui fanno parte un isolotto, l’Isola Lachea grande poco più di due ettari, tre Faraglioni e cinque scogli di diverse misure, tutti in basalto lavico, non sono altro che le testimonianze delle prcime eruzioni dell’Etna. Circa 500 mila anni fa la zona che oggi va dall’imponente cono vulcanico Etneo fino al mare era un vastissimo golfo (preetneo appunto), ma una ricchissima attività vulcanica sottomarina fece si che nel fondo del mare si introducesse il magma. Con il sollevamento del fondale, che continua anche ai giorni nostri, vennero alla luce delle maestose formazioni laviche ricoperte dall’argilla “cotta dal magma”, la marna. Centinaia di migliaia di anni di erosione, sia del mare che del vento, hanno modellato queste formazioni nelle spettacolari forme che possiamo osservare oggi. Le Isole Ciclopi fanno parte dell’omonima riserva integrale gestita dal CUTGANA e le acque che le circondano rientrano nelle zone “A” e “B” dell’Area Marina Protetta Isole dei Ciclopi.

Grazie a

Scarica l'audio guida

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu